Nel 16° rapporto sullo Stato delle Madri del Mondo, la pubblicazione contenente l’Indice delle Madri, cioè una classifica del benessere materno-infantile relativa a 179 paesi, emerge che quest’anno il paese più a misura di madri e bambini è la Norvegia, che presenta i valori migliori in tutti gli indicatori utilizzati. Seguono: Finlandia, Islanda, Danimarca, Svezia, Paesi Bassi, Spagna, Germania, Australia, Belgio. Al polo opposto la Somalia, il peggiore luogo al mondo per madri e bambini, preceduta da Repubblica Democratica del Congo, Repubblica Centroafricana, Mali, Niger, Gambia, Costa d’Avorio, Chad, Guinea Bissau, Haiti e Sierra Leone. L’Italia è al 12°, in flessione di una posizione rispetto allo scorso anno.

 

 

Il Rapporto, inoltre, quest’anno propone come focus “Lo svantaggio urbano”, cioè l’enorme divario fra i bambini più poveri delle città e i più ricchi, in termini di sopravvivenza e accesso alla salute, insieme alle loro madri. Il rapporto fornisce un’analisi relativa a 47 città del nord e del sud del mondo che mette a confronto il quintile più povero della popolazione con quello più ricco ed è basata sulla comparazione dei dati relativi alla salute materno-infantile e alla malnutrizione, e un ulteriore approfondimento relativo anche ai tassi di mortalità infantile nei contesti urbani di 36 paesi in via di sviluppo.

 

Scarica il rapporto.

L’infografica